Naviga

Comunicati stampa

foto Consiglio

Semplificazione Pac, latte e denominazioni dei vini al centro dell'incontro a Bruxelles tra Martina e Hogan
(25/01/2016)

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che si svolto oggi a Bruxelles l'incontro tra il Ministro Maurizio Martina e il Commissario europeo all'agricoltura Phil Hogan.

Al centro del confronto c' stato il tema della semplificazione della Pac, con particolare riferimento agli adempimenti del greening e sul regime di gestione del rischio. Il Ministro ha poi sottolineato la necessit di un ulteriore monitoraggio dell'andamento del mercato del latte a livello europeo e l'urgenza di ulteriori interventi. A tale proposito il Commissario Hogan ha comunicato che verranno ripartite a breve anche a favore dell'Italia le quote residue dello stoccaggio privato di formaggi che non sono state utilizzate dagli altri Paesi. 

"Abbiamo chiesto ad Hogan - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - di andare avanti con decisione sul fronte della semplificazione della Pac. I nostri agricoltori hanno bisogno di meno burocrazia e di una pi concreta tutela del reddito, per questo necessario tagliare adempimenti inutili sul fronte del greening e delle assicurazioni. Ho proposto al Commissario di valutare nuovi interventi a favore degli allevatori, tenuto conto dell'andamento negativo dei prezzi del latte sul mercato. Accolgo positivamente la notizia sullo stoccaggio privato dei formaggi e mi aspetto che all'Italia venga destinata una parte consistente delle quote residue. Confermato il nostro no a passi indietro sulla tutela delle denominazione dei vini, con interventi che potrebbero avere un impatto fortemente negativo sui nostri produttori. Su questo punto non siamo disposti a nessuna concessione, i diritti acquisiti non si toccano".

 Nel corso della riunione, infatti, il Ministro Martina ha confermato nuovamente la netta contrariet dell'Italia a ipotesi di liberalizzazione dell'uso dei nomi dei vitigni, ribadendo la necessit di non cambiare le attuali norme che regolano l'utilizzo delle denominazioni dei vini. A tale proposito Il Commissario Hogan ha dato rassicurazioni sul fatto che non c' alcuna intenzione di pervenire a modifiche che penalizzino l'attuale modello del sistema vitivinicolo italiano di qualit. 

Si discusso anche di semplificazione per il settore ortofrutticolo e sull'olio di oliva si discusso di una revisione dei parametri per gli acidi grassi, particolarmente importante per il nostro Paese. 

Il Commissario ha sottolineato il valore positivo del modello di lavoro che l'Italia sta portando avanti sul fronte degli strumenti finanziari alle imprese agricole e il Ministro ha rinnovato la richiesta di prevedere investimenti per il sostegno all'export soprattutto per le piccole e medie imprese, anche attraverso agevolazioni per partenariati europei e piattaforme logistico distributive per i prodotti agroalimentari Ue nei Paesi terzi.


Ufficio Stampa

 
torna all'inizio del contenuto