1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Colonna di destra
Menu principale di navigazione

Menu principale di navigazione

Unspecified value for parameter ID: []
Contenuto della pagina

Piano di comunicazione istituzionale 2011

 

Azioni - 3. Valorizzazione Made in Italy
Target: pubblico generico internazionale (focus su responsabili d'acquisto e su target altospendente)

Questa linea d'azione si basa sulla comprovata efficacia dell'impatto che le produzioni cinematografiche e televisive hanno sul trasferimento di modelli culturali, sulla capacità di creare "stili di riferimento" e su come questi si traducano poi anche in comportamenti di consumo radicati nel costume di determinate comunità sociali.

a. Progetto "Lifestitaly" (The italian lifestyle)
Il Piano prevede lo sviluppo di un programma di supporto a favore delle principali case di produzione cinematografiche e televisive internazionali (con particolare riferimento ai Paesi e ai mercati di interesse strategico), per la realizzazione di:
■  serie tv dedicate dove i prodotti agroalimentari italiani (per esempio, olio extravergine d'oliva), i loro territori d'origine e il modello italiano di vita e alimentazione abbiano un ruolo principale nella linea narrativa;
■  product placement di prodotti agroalimentari italiani in produzioni seriali e in contenitori di informazione, attualità e intrattenimento di grande diffusione;
■  all'interno di contenitori di informazione e intrattenimento partecipazione di personaggi riconosciuti dal grande pubblico come testimonial di stile di vita e alimentazione "italiani autentici".

Il progetto verrà realizzato attraverso il coinvolgimento dei Consorzi di tutela, prioritariamente interessati alla diffusione al grande pubblico dei loro prodotti, integrando le strategie dei reciproci piani di comunicazione.

Paesi di riferimento 2011: Italia, Usa e Brasile. Nel 2012 si aggiungono: Cina, India, Russia, Argentina.

b. Progetto "Il Sapore d'Italia"
Il progetto si basa sul principio analogo a quello del co-branding: creare un'associazione di immagine forte fra il settore dell'ospitalità e della ristorazione internazionale di alto livello e il prodotto agroalimentare italiano autentico. In ciascun paese oggetto di intervento, il progetto prevede:
a) accordi di collaborazione con le principali catene di hotel a 5 stelle e superiori per la realizzazione con periodicità regolare di una serie di attività educational di tasting e di comunicazione per gli ospiti degli hotel e per selezioni di operatori del settore e dei media.
Alcuni esempi:
■  prodotti DOP e IGP complimentary all'interno delle camere degli ospiti;
■  presenza di prodotti italiani all'interno dei menù dei ristoranti degli hotel;
■  wine and food show all'interno degli hotel per gli ospiti;
■  presenza di prodotti e vini italiani presso i lounge bar a supporto delle attività pre-dinner (aperitivi o happy hour)
■  corsi di formazione in loco e in Italia per gli chef e i sommelier delle catene aderenti al programma;

b) accordi di collaborazione e di co-marketing con i ristoranti più rappresentativi (italiani e non) e con gli chef più autorevoli, per rendere costante la presenza di prodotti italiani all'interno dell'offerta dei menù e nella carta dei vini.
Il progetto viene realizzato in collaborazione con i Consorzi di tutela, per rendere attrattiva ai ristoratori in termini economici e di comunicazione la presenza continuativa di ingredienti italiani nel loro piano di acquisti.
Paesi di riferimento 2011: Emirati Arabi, Cina, India. A seguire nel 2012: Russia, Brasile.

c. Patrimoni dell'Unesco
Nell'ambito delle iniziative di valorizzazione del patrimonio agricolo e vitivinicolo nazionale e sulla scorta della recente elezione della Dieta Mediterranea a patrimonio Mondiale dell'Umanità, il Piano prevede di promuovere iniziative, in concerto con le Regioni, perché altre filiere agroalimentari possano raggiungere il prestigioso riconoscimento dell'Unesco.

Il MIPAAF proseguirà inoltre nell'inserimento nella tentative list italiana della Convenzione per la Protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale dell'Umanità dell'Unesco di alcuni territori peculiari (fra le quali le colline della zona del Prosecco di Valdobbiadene).
Iniziative di comunicazione e di valorizzazione sono eventualmente da pianificare al raggiungimento di risultati.

d. Formaggi e vini d'autore
Nell'ambito delle azioni di promozione dell'agroalimentare italiano il Piano prevede la realizzazione di una manifestazione dedicata al mondo dei formaggi e dei vini, ed al loro abbinamento, per valorizzarne la qualità dei prodotti caseari e vitivinicoli italiani d'eccellenza, la cultura e la storia di un patrimonio con radici millenarie, nonché il valore dei territori di origine. L'iniziativa si articolerà in una manifestazione rivolta direttamente al grande pubblico ed uno spettacolo che si tradurrà in produzione televisiva da diffondere a livello nazionale e network internazionali.

e. Campagne per emergenze e crisi
Il settore agroalimentare è sottoposto costantemente a crisi di mercato legate sia alla ciclicità naturale che a fenomeni spesso indipendenti dalla volontà o dal comportamento degli agricoltori. Si pensi, a titolo di esempio, all'epidemia di e-coli in Germania o in tempi passati ai suini alla diossina. Tutti fenomeni che hanno creato allarme nei consumatori, riduzione dei consumi e danni enormi agli agricoltori. In tale ambito il Piano prevede di poter intervenire, in casi di emergenze specifiche, attraverso azioni concrete da realizzare in tempi rapidi, per contribuire a dare corretta informazione ai consumatori e quindi ridurre i possibili danni dell'enfatizzazione mediatica delle crisi. Già nell'estate 2011 è stato compiuto un importante intervento secondo questo spirito attraverso il programma "Frutta nelle spiagge" che ha permesso di contribuire a stimolare i consumi di un prodotto sottoposto ad un crollo dei prezzi senza precedenti.