1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Colonna di destra
Menu principale di navigazione

Menu principale di navigazione

Unspecified value for parameter ID: []
Contenuto della pagina

Piano di comunicazione istituzionale 2011

 

3. Linee prioritarie di azione

Coerentemente con gli indirizzi programmatici definiti precedentemente, il Piano si articola su 6 linee prioritarie di azione:

1. Accrescere la conoscenza sul mondo agricolo ("Agricultura")
Sulla scia del crescente e diffuso interesse nei confronti del mondo agricolo e dei suoi prodotti, il Piano prevede una linea di attività specifica per informare meglio e più a fondo i cittadini italiani sul sistema agricolo, sulle diverse filiere che lo compongono, sui prodotti e sui loro contenuti "tecnici" e culturali e sulle tipicità. Un approfondimento della conoscenza del settore per aiutare i consumatori a indirizzarsi verso scelte di acquisto consapevoli, e per fare indirettamente pressione sui diversi attori della filiera distributiva che negli ultimi anni troppo hanno penalizzato la produzione italiana.

2. Lotta alla contraffazione e alle imitazioni e sostegno alla vendita del "prodotto Italia"
Il prodotto agroalimentare italiano è talmente noto e richiesto da esser diventato vittima quotidiana di sofisticazioni, frodi, adulterazioni e contraffazioni. Il Piano prevede una linea di attività specifiche a livello nazionale e internazionale per supportare il vero prodotto agroalimentare "made in Italy" e contrastare quei fenomeni degenerativi (definiti italian sounding), altamente ingannevoli nei confronti dei consumatori, penalizzanti sotto il profilo economico per il nostro comparto agricolo, pericolosi per la salute e dannosi per l'immagine del nostro Paese sui mercati internazionali.

3. Valorizzazione Made in Italy
Linea di attività per promuovere all'estero l'immaginario sullo "stile alimentare italiano" e per stimolare l'acquisto di prodotti italiani inserendosi nei modelli culturali e alimentari stranieri senza forzature. Più precisamente, si intende incentivare l'integrazione di nostri prodotti all'interno delle consuetudini alimentari dei rispettivi Paesi, senza avere la pretesa di esportare in toto il nostro gusto, la nostra dieta, le nostre ricette; l'obiettivo è entrare nelle dispense delle famiglie, nei loro frigoriferi, formandole sul corretto trattamento dei nostri prodotti affinché il loro utilizzo diventi pratica quotidiana domestica, non solo legata ad eventi e ricorrenze speciali.

4. Promozione internazionale immagine qualità italiana
Sostenere l'immagine e il posizionamento distintivo e unico del prodotto agroalimentare nazionale. Una linea di attività per portare, attraverso un meccanismo di experiential marketing, i prodotti e la ristorazione italiana a contatto con un pubblico selezionato di grandi eventi di portata internazionale. La selezione degli appuntamenti privilegia quelli di contenuto sportivo, che più di altri esprimono i valori della salute, del benessere, dell'energia positiva e del rispetto delle regole.

5. Educazione alimentare
Innovare nelle forme e nei contenuti la comunicazione legata alla corretta alimentazione e alla prevenzione e alla lotta dei disturbi alimentari (anoressia, bulimia, obesità). Coinvolgere i giovani di età scolare e le loro famiglie attraverso una linea coordinata di progetti educational in grado di incidere sul loro livello di conoscenza delle correlazioni tra benessere, salute, e alimentazione, e sui derivanti comportamenti di consumo e stile di vita.

6. Ascolto e dialogo con il mondo di agricoltura e pesca
Un programma di eventi di approfondimento e di dibattito sulle problematiche dei settori dell'agricoltura e della pesca per permettere l'incontro e il confronto tra gli imprenditori e gli operatori dei comparti, le istituzioni e gli organismi di rappresentanza. Obiettivo dell'attività quella di aprire un costante "canale di ascolto", di condivisione e di verifica delle scelte strategiche per il settore.