Naviga

Criteri e procedure per il finanziamento e la gestione dei progetti di ricerca

La realizzazione della programmazione della ricerca agricola del Mipaaf affidata all'esecuzione di progetti di ricerca finanziati dal Ministero per mezzo di bando pubblico, affidamento diretto, sportello. Il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ha indicato le modalit di gestione e realizzazione delle attivit di ricerca nel settore agricolo, alimentare e forestale, volte a garantire la trasparenza delle procedure, nel "Manuale Utente", come da articolo 4 del Decreto ministeriale n. 5708 del 16 marzo 2010. Il manuale descrive i termini di riferimento, le modalit di accesso ai contributi per attivit di ricerca e sperimentazione nel settore, i criteri di valutazione, gli aspetti amministrativi, contabili, finanziari e le modalit per il monitoraggio dei progetti finanziati.

 
 

Approvato con D.M. 27532 del 23 novembre 2016 il nuovo "MANUALE UTENTE"

L'evoluzione della normativa generale e di settore nonch l'esperienza maturata negli ultimi anni hanno reso necessaria una revisione ed un aggiornamento delle norme e delle procedure che governano la presentazione, valutazione, approvazione, gestione, monitoraggio e rendicontazione dei progetti di ricerca ed innovazione per il sistema agricolo, alimentare e forestale gestiti dall'Ufficio DISR IV.
A tale scopo si reso necessario provvedere alla rivisitazione e all'aggiornamento del manuale utente e dei relativi allegati, di cui al DM n. 6387 del 22 marzo 2010, procedendo ad armonizzarlo con la normativa vigente e con i regolamenti in materia emanati da altri enti che si occupano di finanziamenti della ricerca nazionale.
L'obiettivo principale fornire - grazie a semplificazioni, formulazioni pi stringenti, specifiche vincolanti e disposizioni cogenti - un quadro di riferimento e regole limpide ed inequivocabili che si ripercuotono positivamente sull'intero sistema gestione dei finanziamenti per la ricerca.

 Il nuovo manuale utente introduce alcune novit quali:

■ la possibilit di poter designare un esperto al progetto per la valutazione "in itinere" ed "ex-post" degli aspetti tecnico-scientifici del progetto;
■ l'introduzione delle modalit di presentazione della documentazione in formato digitale;
■ l'introduzione del fascicolo di progetto per l'organizzazione della documentazione in loco;
■ una modulistica completa che permetta una gestione uniforme dei progetti nonch la possibilit, in futuro, di una gestione completamente informatizzata delle richieste di finanziamento dei progetti o dei bandi pubblici.

 
 
 

D.M. 6387 del 22 marzo 2010 (valido per tutti i progetti non ancora liquidati precedenti al D.M. 27532 del 23 novembre 2016)

Si comunica che ai sensi dell'articolo 2 del D.M. 27532 del 23 novembre 2016, per tutti i progetti di ricerca non ancora liquidati, vigono le disposizioni contenute nei precedenti regolamenti ministeriali citati nei singoli decreti di concessione del contributo.

torna all'inizio del contenuto