Naviga

Comunicati stampa

Foto

Nel 2014 oltre 64 mila controlli della guardia costiera in tutta la filiera
Martina: Sicurezza dei prodotti assicurata da una capillare attivit ispettiva
(04/05/2015)

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che stato pubblicato sul sito del Mipaaf il report dell'attivit operativa della Guardia Costiera-Capitaneria di Porto, relativo all'anno 2014.

Sono stati oltre 64 mila i controlli, su tutta la filiera della pesca, effettuati lo scorso anno. Le sanzioni amministrative sono state 4.244, mentre quelle penali 1.007, con un importo che supera i 7 milioni di euro. L'attivit di controllo ha portato, inoltre, al sequestro di quasi 800 tonnellate di prodotti ittici ed stata condotta in mare, presso i punti di sbarco, nei mercati ittici, dai grossisti, nella GDO, in ristoranti, aeroporti, presso punti vendita in strada e in pescherie.

La principale violazione riscontrata dagli ispettori legata alla tracciabilit del prodotto e alla sua etichettatura, con 1.917 sanzioni.

L'attivit di controllo stata intensificata nel periodo delle festivit natalizie del 2014. Tra il 4 dicembre 2014 e il 19 gennaio 2015 stata condotta l'operazione "Labyrinth", coordinata dal Comando Generale, concentrata nelle maggiori marinerie e che ha portato al sequestro di circa 150 tonnellate di prodotti.

"L'eccellenza dei prodotti della pesca italiana - ha commentato il Ministro Martina - assicurata anche dall'attivit capillare di controllo effettuata dalla Guardia Costiera-Capitaneria di Porto. I numeri delle operazioni realizzate nel 2014 dimostrano l'efficacia del sistema e danno la dimensione del controllo che riusciamo ad avere a tutti i livelli della filiera produttiva. Mantenere alta la guardia sulle pratiche illegali di pesca essenziale anche per la tutela e la conservazione dell'intero ecosistema marino. La pesca - ha concluso Martina - sar protagonista all'Expo di Milano, dove coglieremo un'occasione unica per approfondire il confronto con gli altri Paesi, soprattutto quelli che si affacciano sul Mediterraneo, e portare all'attenzione del Mondo le nostre buone pratiche in un settore cos importante per l'economia del Paese".

Ufficio Stampa

 
torna all'inizio del contenuto