Naviga

Comunicati stampa

Foto uliveto

Xylella, Mipaaf: decisa intensificazione degli interventi dopo incontro Martina-Vendola
(29.10.14)

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il Ministro Maurizio Martina ha incontrato oggi a Roma il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e l'Assessore all'agricoltura Fabrizio Nardoni per un aggiornamento sullo stato di attuazione degli interventi di lotta obbligatoria al batterio Xylella fastidiosa, previsti dal decreto ministeriale 26 settembre 2014.

Durante l'incontro si rilevata la necessit di intensificare ulteriormente gli interventi. La Regione ha posto la questione del possibile avvio delle procedure per lo stato di emergenza fitosanitaria del territorio colpito con l'eventuale nomina di un Commissario a cui attribuire poteri straordinari di intervento per rendere ancora pi tempestive le azioni che si renderanno necessarie. Il Ministero ha dato piena disponibilit a valutare ogni ulteriore azione, consapevole che la delicatezza della problematica non limitata solo al settore agricolo, ma interessa anche aspetti di natura paesaggistica e ambientale.

Terminata la fase di monitoraggio e analisi di tutte le zone colpite, nei prossimi giorni la Regione presenter i confini geografici dell'area tampone e dell'adiacente zona cuscinetto di 2 km da Ionio a Adriatico. In queste aree verranno attuati gli interventi approvati dal Comitato Scientifico costituito appositamente, come previsto dal decreto ministeriale 12 settembre 2014.

In particolare si prevede:
- interventi contro adulti dei vettori;
- eliminazione meccanica delle erbe spontanee (possibili ospiti) e degli stadi giovanili dei vettori eventualmente presenti;
- l'eliminazione delle piante interessate limitatamente all'area infetta;
- eliminazione delle piante ospiti usate nelle alberature stradali e negli spartitraffico;
- monitoraggio intensivo.
Ulteriori misure obbligatorie a carico delle aree infette saranno valutate dal Comitato fitosanitario nazionale gi convocato per il 4 novembre prossimo.


Ufficio Stampa


 
 
 
torna all'inizio del contenuto