Naviga

Comunicati stampa

Foto GMA

Giornata mondiale alimentazione: sicurezza alimentare sfida decisiva per futuro del pianeta
(16.10.14)
 
"Sono le famiglie a sfamare il mondo e per questo dobbiamo pensare delle politiche che sappiano innovare questo modello tradizionale, renderlo in grado di sostenere la sfida alimentare del futuro. Anche in Italia 9 aziende agricole su 10 poggiano sulla conduzione familiare, contribuendo ogni giorno ad una storia di successo come quella del Made in Italy. Quasi il 70% delle imprese agricole europee a conduzione familiare e addirittura l'83% in Nord America. Bisogna mettere in condizioni queste aziende di poter portare avanti tradizioni e valori rurali, coniugandoli con un approccio innovativo, sostenibile e integrato".

Cos il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, commenta i dati FAO sull'agricoltura familiare resi noti in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione.

"Soprattutto oggi - ha dichiarato il Ministro - penso sia necessario anche insistere sull'importanza della sicurezza alimentare come sfida decisiva per il futuro del pianeta. La Fao ci ricorda che oggi 850 milioni di persone soffrono di povert alimentare, 50 milioni solo nell'Unione europea. Servono quindi azioni e scelte politiche concrete per impostare una strategia globale con l'obiettivo di garantire cibo sano, sufficiente e sicuro per una popolazione mondiale che nel 2050 arriver a 9 miliardi di persone. Fin da oggi dobbiamo pensare a dei modelli di sviluppo che siano sostenibili sotto il profilo economico, sociale ed ambientale per dare le risposte dovute. Risorse come l'acqua e la terra devono essere maggiormente tutelate proprio per la loro importanza, anche a lungo termine".
"Proprio per l'urgenza di un confronto internazionale su questo tema - prosegue Martina -, abbiamo fortemente voluto che Expo Milano 2015 fosse dedicato a "Nutrire il Pianeta". Nei sei mesi dell'Esposizione universale discuteremo con oltre 140 Paesi delle migliori pratiche agricole, delle soluzioni tecnologiche e innovative, dei metodi da portare avanti per vincere questa sfida. L'Italia e l'Europa dovranno essere capofila di una grande iniziativa mondiale e dare un contributo concreto allo sviluppo di politiche sostenibili, anche in vista dell'aggiornamento degli Obiettivi del Millennio del Nazioni Unite che ci sar a fine 2015".

"Accanto alla sicurezza alimentare - conclude il Ministro - si pongono poi altri due temi fondamentali: la lotta agli sprechi di cibo e il contrasto alla contraffazione. Sono due aspetti che l'Europa ha individuato come priorit nell'ultima riunione informale del Consiglio dei ministri dell'agricoltura che abbiamo organizzato a Milano a settembre. Sul primo fronte dobbiamo intervenire per arginare un fenomeno intollerabile e dai numeri impressionanti: 189 kg di cibo sprecato da ogni europeo per un totale di 90 milioni di tonnellate l'anno. L'altra grande partita riguarda la contraffazione degli alimenti, la lotta al "falso" cibo, una piaga che danneggia i consumatori e i produttori onesti. Anche su questo l'Italia si candida ad essere promotrice di un salto di qualit nell'approccio e perci abbiamo deciso di organizzare un Forum europeo sulla lotta alla contraffazione, riunendo a Lodi nel marzo del 2015 le autorit di controllo europee e le principali internazionali per migliorare gli strumenti di contrasto". 
 

Ufficio Stampa

 
torna all'inizio del contenuto