Naviga

Comunicati stampa

Foto Ministro Maurizio Martina

Martina: Non discutere pi dei vecchi schemi, nell'agroalimentare italiano serve aggregazione e un piano unitario nazionale
(27/02/2014)

"Credo che non sia pi il tempo per discutere di vecchi schemi, lo scenario muta in modo veloce e profondo. Dobbiamo averne piena consapevolezza e agire di conseguenza. I dati che sono stati illustrati oggi ci aiutano a farlo: con questa fotografia del sistema agroalimentare italiano abbiamo una base comune per impostare un dialogo e occuparci delle strategie che devono essere messe in atto. Nell'agroalimentare italiano c' il meglio dell'innovazione del Paese e dispiace vedere che quel potenziale si incastra in dinamiche che impediscono a questa energia ad esplodere. Dobbiamo cambiare passo e dobbiamo farlo adesso, mettendo in chiaro che questo mondo un pilastro fondamentale della ripresa del Paese, che pu dettare la sua agenda"

Cos il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, intervenendo alla alla Tavola rotonda di presentazione del secondo numero di "AgrOsserva", l'Osservatorio trimestrale sulla congiuntura dell'agroalimentare italiano realizzato da Ismea e Unioncamere.
All'incontro, che si tenuto nella Sala Cavour del Mipaaf, hanno partecipato Arturo Semerari, Presidente di Ismea, Ferruccio Dardanello, Presidente di Unioncamere, Roberto Moncalvo, Presidente di Coldiretti e Mario Guidi, Presidente di Confagricoltura in rappresentanza di Agrinsieme.

"Abbiamo a disposizione - ha spiegato il Ministro Martina - diversi strumenti. Mi riferisco alle scelte sulla nuova Pac e al Collegato agricoltura, che possono far assumere all'agroalimentare la centralit che merita. Il primo grande tema che deve essere affrontato a breve legato al costo del lavoro. Bisogna ridurre la discrasia tra quanto viene speso dalle imprese e quanto rimane al lavoratore e quella tra il prezzo del prodotto e il reddito che resta in mano agli agricoltori. Su questo ci giochiamo una partita importante".

"Adesso - ha aggiunto ancora il Ministro - possiamo fare scelte tutt'altro che banali, possiamo dare l'avvio a un piano di azione ragionato, coordinato e strategico. Si coglie ovunque, da Nord a Sud la necessita di costruire un piano strategico complessivo. Quando quel tessuto formidabile di piccole e medie imprese, che adesso ha subito un colpo tremendo, ha sperimentato l'aggregazione vera sono state fatte azioni molto efficaci. Non abbiamo oggi grandi player nazionali in grado di farlo, quindi bisogna che spingiamo su questa direzione. Mi piacerebbe essere - ha concluso il Ministro - il celebrante di un matrimonio che possa portare a una visione unitaria nazionale da parte di tutti gli attori in campo".

 
Ufficio Stampa

 
torna all'inizio del contenuto