Naviga

Organismi pagatori

L'Organismo pagatore  ha la funzione di  gestire e controllare le spese   finanziate  dai Fondi i FEAGA e FEASR. L'Organismo pagatore, a tal fine, è riconosciuto dallo Stato membro dall'autorità competente designata a livello ministeriale (D.M. 17/06/2009).

L'autorità competente  riconosce  soltanto  quegli enti la cui struttura e organizzazione amministrativa garantiscono il rispetto dei criteri definiti dalla Commissione europea (Reg. di esecuzione UE n. 908/2014).

Gli Organismi pagatori sono oggetto di  costante supervisione da parte dell'autorità competente che, ogni tre anni,   comunica i risultati di tale monitoraggio  alla Commissione europea.

In Italia sono 11 gli Organismi pagatori riconosciuti di cui 8 operanti a livello regionale , 2 operanti a livello nazionale in relazione a specifiche misure (riso ed esportazioni)  e l'AGEA  che svolge tale ruolo per le regioni che non hanno un proprio Organismo pagatore.

I conti degli Organismi pagatori sono annualmente certificati da un organismo  indipendente che ne attesta la completezza, la correttezza e la veridicità.

Nel corso dell'esercizio finanziario 2016 (16 ottobre 2015- 15 ottobre 2016) gli Organismi pagatori hanno erogato complessivamente euro 4.497.151.402,02 per il finanziamento delle varie misure di sostegno della PAC a valere sul FEAGA, importo considerato al lordo di euro 187.367.348,85 di entrate a destinazione specifica versate al bilancio europeo, nonché euro 408.470.076,89 a valere sul FEASR, quale quota europea di finanziamento dei vari PSR del periodo di programmazione 2014 - 2020.

 

Organismi pagatori riconosciuti in Italia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Irregolarità in danno della PAC comunicate all'OLAF dagli Organismi pagatori

 
 
 

Attività di supervisione e monitoraggio svolta sugli Organismi pagatori

 
torna all'inizio del contenuto