Naviga

Parlamento europeo

Dal 1° dicembre 2009 - con l'entrata in vigore del Trattato di Lisbona - il Parlamento europeo (PE) condivide a tutti gli effetti il ruolo di co-legislatore con il Consiglio anche in materia agricola.

I principali atti comunitari in materia, per poter entrare in vigore, devono cioè essere approvati congiuntamente da PE e Consiglio che agiscono, quasi in una sorta di bicameralismo, in rappresentanza rispettivamente dei cittadini europei e degli Stati membri.

Continua Leggi tutto il testo di «Presentazione»
 

I lavori al Parlamento europeo

(I resoconti delle riunioni parlamentari sono redatti e pubblicati in ottemperanza all'impegno, assunto dal Governo innanzi al Parlamento italiano nella Relazione programmatica 2011 sulla partecipazione dell'Italia all'Unione europea, attraverso il quale l'Esecutivo intende "favorire una più ampia divulgazione dell'attività svolta dalle Istituzioni dell'Unione in ambito agricolo attraverso l'utilizzo di Internet". Essi non esprimono in alcun modo la posizione del Governo italiano sulle questioni trattate dal Parlamento europeo).

ASSEMBLEA PLENARIA

 

Il Parlamento europeo si è riunito in seduta plenaria nei giorni 16 - 19 gennaio 2017.
In tale circostanza si è proceduto alla ridefinizione di metà legislatura e relative elezioni delle cariche istituzionali del Parlamento stesso a partire dal Presidente, fino alle composizioni numeriche delle varie commissioni permanenti. Come noto, è stato eletto a scrutinio segreto alla Presidenza l'On. Antonio TAJANI (PPE) e di seguito i Vicepresidenti (in numero di quattordici) e di cinque Questori, tenendo conto di un'equa rappresentanza degli Stati membri e degli orientamenti politici.

 
Per quanto riguarda la Commissione agricoltura e sviluppo rurale (COMAGRI), nella successiva riunione del 25 gennaio 2017, si sono svolte le elezioni del Presidente e dei quattro Vicepresidenti della Commissione stessa, che non hanno comportato alcuna modifica rispetto alla precedente composizione ( confermato quindi come presidente l'On. Adam SIEKIERSKI - PPE), con l'eccezione del subentro, quale Vicepresidente, dell'On. Paolo DE CASTRO (S&D) al posto dell'On. Eric ANDRIEU, appartenente alla stessa formazione politica, che ha assunto a sua volta l'incarico di coordinatore all'interno del suo gruppo.
Per il resto la compagine degli europarlamentari italiani presenti nella COMAGRI è rimasta la stessa; pertanto gli attuali componenti titolari sono i seguenti: 
 
-  DORFMANN Herbert (PPE);
-  CAPUTO Nicola (S&D);
-  DE CASTRO Paolo (S&D);
-  MOI Giulia (EFDD);
-  ZULLO Marco (EFDD),

mentre come componenti supplenti risultano attualmente i deputati:
-  BIZZOTTO Mara (ENF);
-  BORGHEZIO Mario (ENF);
-  CIOCCA Angelo (ENF);
-  CIRIO Alberto (PPE);
-  CORRAO Ignazio (EFDD);
-  D'AMATO Rosa (EFDD);
-  GIUFFRIDA Michela (S&D);
-  PAOLUCCI Massimo (S&D).




Si informa che, nell'ambito della sessione plenaria del 13 - 16 novembre 2017, svoltasi nella sede del Parlamento europeo di Strasburgo, sono stati discussi ed approvati i seguenti testi di particolare interesse agricolo, che si allegano nella loro versione provvisoria:

- Risoluzione, approvata ai sensi dell'art.123 paragrafo 2 del regolamento del PE (risoluzione a seguito di dichiarazione della Commissione UE),  sui "Negoziati multilaterali in vista dell'undicesima conferenza ministeriale dell'OMC a Buenos Aires, 10 - 13 dicembre 2017"-  competente nel merito commissione INTA (commercio internazionale): al riguardo, per la parte agricola si confermano le osservazioni scaturite dal dibattito conseguente alla presentazione effettuata dalla DG AGRI nella COMAGRI del 6 novembre u.s., di cui si è dato conto ed a cui si rimanda, osservazioni che si possono ritrovare nella risoluzione così approvata al considerandoE ed al punto n.6; in particolare, si sottolineano le proposte avanzate congiuntamente dall'UE e dal Brasile sul sostegno interno all'agricoltura e la necessità di arrivare ad una soluzione strutturale sullo stoccaggio pubblico ai fini della sicurezza alimentare, sugli aiuti per il cotone e sulle sovvenzioni, senza peraltro che tali negoziati ed eventuali risultati  vadano a prevalere sulle discussioni riguardanti il futuro della PAC. In ogni caso, come ricordato dalla Commissaria Malmstrom,  alla conferenza sarà presente anche il Commissario Hogan ed una significativa delegazione del Parlamento europeo;

- Non sono state sollevate obiezioni e quindi si considera definitivamente approvata, ai sensi dell'art. 231 del regolamento del PE, la rettifica al regolamento (UE) n.1306/2013 del POE e del Consiglio sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della PAC......".

Si è svolta inoltre la discussione a seguito della presentazione, da parte del Presidente Siekierski a nome della COMAGRI, della interrogazione con richiesta di risposta orale, ai sensi dell'art.128 del regolamento del PE, sulla problematica relativa a "Embargo russo - settore ortofrutticolo dell'UE":  in particolare tale interrogazione ha affrontato la questione relativa alla notevole difficoltà che sta attraversando il settore ortofrutticolo europeo da tre anni a questa parte, a far data cioè dalle misure ritorsive messe in atto dalla Russia a fronte delle sanzioni imposte dall'UE per gli avvenimenti collegati al conflitto con l'Ucraina. La commissione interrogante chiede di fatto alla Commissione UE se intenda porre in essere nuove misure per supportare più efficacemente  in particolare i piccoli produttori e gli esportatori nell'attuale grave stato di crisi del settore,  prevedendo altresì iniziative di carattere strutturale che li garantiscano anche per il futuro e nel contempo predisporre uno studio sul riorientamento delle esportazioni ortofrutticole verso altri mercati: il tutto permeato dall'amara constatazione che i sacrifici cui sono stati sottoposti in questi anni i citati produttori ed esportatori non hanno sortito alcun risultato, in quanto le sanzioni inflitte alla Russia si sono rivelate assolutamente inefficaci e il settore agricolo, come da prassi, è servito da paravento per tutelare interessi più rilevanti. Sulla base di tali istanze è intervenuto il commissario Hogan,  il quale ha ricordato come in realtà la Commissione UE, per quanto di sua competenza,  si sia mossa per tempo, attivando dal 2014 misure per venire incontro alla improvvisa crisi derivante dall'embargo russo, per un totale allo stato attuale di quasi 500 milioni di euro stanziatiper il ritiro di varie tipologie di prodotti (pesche, pere, nettarine, mele) a fronte di circa 1,7 milioni di tonnellate di prodotto ritirato; parallelamente la Commissione stessa ha strenuamente operato, anche attraverso numerose missioni estere, al fine di riorientare le esportazioni di ortofrutta verso nuovi mercati, in particolare verso la Cina, India, Vietnam, USA e Canada, con un costante loro aumento verso tali Paesi, diversificazione che peraltro si è rivelata più lenta del previsto. In ogni caso, come noto le ricordate misure provvisorie sono state prorogate il 1° luglio scorso per un altro anno,attingendo dalla riserva per le crisi sul mercato; tutto questo senza tralasciare le iniziative riguardanti l'attività promozionale verso i Paesi terzi e la normativa concernente la distribuzione della frutta nelle scuole, fonte di contributi  aggiuntivi a favore della produzione. Ovviamente il perdurare della situazione critica per l'intero comparto potrebbe comportare una pprofondimento sulla necessità di approntare per il futuro interventi strutturali, valutando inoltre la possibilità di stilare il richiesto studio sulle potenzialità dei nuovi mercati verso cui riversare le esportazioni di tali prodotti: il Commissario ha peraltro aggiunto che sarà opportuno in tempi brevi affrontare i persistenti problemi derivanti dagli eccessi di produzione (ad esempio le pesche in Spagna e le mele in Polonia) e rimandando i commenti politici a dibattiti d'insieme sui rapporti fra UE e Russia, alla luce dell'evoluzione degli scenari internazionali.




Aggiornato al 17 novembre 2017

 
 
 

COMMISSIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE - COMAGRI

 


 
Si informa che la COMAGRI del PE tornerà a riunirsi nei giorni 22 - 23 novembre 2017, presso la sede del Parlamento europeo di Bruxelles, per discutere sui punti indicati all'ordine del giorno, dal quale è possibile accedere ai documenti di riunione.
Al riguardo, si  segnalano in particolare i seguenti argomenti:

- N.3: votazione sull'accordo provvisorio risultante da negoziati interistituzionali (triloghi) relativo alla "Proposta omnibus - regolamento autonomo sulle modifiche dei regolamenti di base della PAC"  (relatore On.le Dess): come indicato nei resoconti delle precedenti riunioni della COMAGRI, trattasi dell'importante documento concernente la corsia preferenziale concessa dalle istituzioni europee alla componente agricola della proposta generale riguardante  le "Regole finanziarie  applicabili al bilancio generale dell'Unione" (competenti nel merito commissioni BUDG (bilanci) e CONT (controlli dei bilanci);

- N.4: votazione sull'accordo provvisorio risultante da negoziati interistituzionali (triloghi) concernente la proposta di relazione "Produzione biologica ed etichettatura dei prodotti biologici, modifica del regolamento (UE) n.XXX/XXX del Parlamento europeo e del Consiglio [regolamento sui controlli ufficiali] e abrogazione del regolamento (CE) n.834/2007 del Consiglio" - (relatore On.le Häusling);

- N.5: votazione sul progetto di relazione relativo alle "Prospettive e sfide per il settore dell'apicoltura dell'UE" - (relatore On.le Erdős);

- N.6: esame del progetto di relazione sulla "Situazione attuale e prospettive future per i settori ovino e caprino nell'UE"- (relatore On.le Herranz Garcia) - termine per la presentazione di eventuali emendamenti fissato al 27 novembre 2017 alle ore 13.00;

- N.7: esame del progetto di parere relativo alla "Riforma del sistema di risorse proprie dell'Unione europea"- (relatore On.le Caputo) - competente nel merito commissione BUDG  - termine per la presentazione di eventuali emendamenti fissato al 27 novembre 2017 alle ore 13.00;

- N.8: esame del progetto di parere riguardante "Il prossimo QFP: preparazione della posizione del Parlamento in merito al QFP per il periodo successivo al 2020"- (relatore On.le Ribeiro) - competente nel merito commissione BUDG - termine per la presentazione di eventuali emendamenti fissato al 27 novembre 2017 alle ore 13.00;

- N.10: presentazione a cura di un rappresentante della Commissione (DGRTD) sullo stato di avanzamento di "Food 2030";

- N.11: presentazione a cura  di un rappresentante della Commissione (DG SANTE) sul tema "Proroga della privativa per ritrovati vegetali su bulbi in fiore, asparagi e piante legnose";

- N.12: esame del progetto di parere sul "Discarico 2016: Bilancio generale dell'Unione europea "(relatore On.le Kadenbach) - competente nel merito commissione CONT - termine per la presentazione di eventuali emendamenti fissato al 27 novembre 2017 alle ore 13.00;

- N.13: presentazione a cura di un rappresentante della Rete dei caseifici agricoli e artigianali europei (FACE Network) relativa ai risultati del progetto pilota dal titolo "Guida europea di buone prassi igieniche per i negozi di formaggi";

- N.14: presentazione a cura di Lukáš Zagata (Università ceca di scienze della vita di Praga) e Lee-Ann Sutherland (The James Hutton Institute, Scozia) dal titolo "Giovani agricoltori - attuazione delle politiche dopo la riforma della PAC del 2013".  Studio richiesto dalla commissione AGRI, commissionato e gestito dal dipartimento tematico;

- N.15: audizione pubblica, come da programma specifico allegato, sul tema "Attuazione delle politiche per i giovani agricoltori dopo la  riforma della PAC del 2013";

- N.16: presentazione a cura di rappresentanti della Commissione (DG DEVCO e AGRI) sul tema "Cosa sta facendo l'Unione europea per i giovani agricoltori in Africa".






Si informa che il giorno 20 novembre 2017 si terrà presso la sede del Parlamento europeo di Bruxelles una pubblica audizione, sulla base di una "iniziativa dei cittadini europei", ai sensi del regolamento (UE) n.211/2011, che stabilisce le modalità procedurali per garantire tale forma di "democrazia partecipativa", offrendo ai cittadini dell'Unione la possibilità di chiedere direttamente alla Commissione europea di presentare, nell'ambito delle sue attribuzioni, un'adeguata proposta su temi per i quali i cittadini ritengono necessario un atto legislativo dell'Unione ai fini dell'attuazione dei trattati. Tale normativa ha dato piena applicazione al combinato disposto dell'art.11 comma 4 del Trattato di Lisbona e dell'art.24 del TFUE, stabilendo la raccolta delle dichiarazioni di sostegno di detta iniziativa di non meno di un milione di firmatari appartenenti ad almeno un quarto degli Stati membri, prevedendo altresì all'art.11  del Reg. n.211/2011 stesso l'indizione diuna pubblica audizione presso il PE sull'argomento interessato.

Pertanto, l'audizione pubblica in oggetto  si inserisce nell'ambito della descritta procedura e sarà organizzata dalla commissione ENVI (ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare) competente nel merito sul tema "Vietare il glifosato e proteggere le persone e l'ambiente dai pesticidi tossici" come da ordine del giorno, programma e scheda informativa allegati, in associazione con le commissioni AGRI, ITRE (industria, ricerca ed energia) e PETI (petizioni). Di fatto, con tale iniziativa i cittadini europei, riuniti in apposito comitato, invitano la Commissione UE a proporre agli Stati membri la messa al bando del glifosato, riformare la procedura di approvazione dei pesticidi e come obiettivo principale giungere alla riduzione obbligatoria a livello europeo sull'utilizzo degli antiparassitari.

Per un quadro più esaustivo degli aspetti salienti emersi in sede PE sulla problematica in esame, si rimanda al resoconto della commissione congiunta AGRI/ENVI dell'11 ottobre u.s. e a quanto previsto nella risoluzione votata nel corso della sessione plenaria del  23 - 26 ottobre 2017.







 Aggiornato al 20  novembre 2017



Una sintesi dei resoconti delle precedenti riunioni  della sessione plenaria del PE e della COMAGRI è scaricabile dalla sezione 'Attività del Parlamento europeo', accessibile dal menu in alto a sinistra.

torna all'inizio del contenuto