Naviga




SQNBA - Sistema di qualità nazionale benessere animale

Il decreto n. 341750 del 2 agosto 2022, del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali emanato di concerto con il Ministro della Salute, che disciplina il "Sistema di qualità nazionale per il benessere animale" istituito ai sensi dell'articolo 224 bis del decreto-legge 19 maggio 2020 n.34, introdotto dalla legge di conversione 17 luglio 2020 n. 77, stabilisce le procedure atte a qualificare con apposita certificazione volontaria, la fase diallevamento di animali destinati alla produzione di alimenti tramite ladefinizione dei processi e dei requisiti di salute e benessere animale secondocriteri superiori a quelli già definiti dalle vigenti norme europee enazionali.
Il Sistema di Qualità Nazionale per il Benessere Animale (SQNBA) rafforza la sostenibilità ambientale, economica e sociale delle produzioni di origine animale, grazie alla certificazione accreditata degli allevamenti e dellafiliera. Il sistema in questione definisce uno schema di produzione a caratterenazionale che stabilisce le regole generali e i requisiti tecnici per lagestione del processo di allevamento degli animali allevati, mediante la valutazione di parametri stabiliti su base scientifica, rappresentando una disposizione unica di riferimento nella certificazione volontaria relativa al benessere animale e mettendo quindi ordine nei vari protocolli di certificazione al momento esistenti concernenti lo stesso ambito, contribuendo anche ad una informazione più chiara al consumatore.
Il SQNBA prevede l'adesione volontaria dei soggetti che si impegnano a garantire requisiti di salute e benessere animale, superiori a quelli delle pertinenti norme europee e nazionali, nonché si impegnano a ridurre l'uso degli antibiotici e a garantire, in generale, una maggiore sostenibilità dell'allevamento. Il provvedimento, nel fissare le regole generali per l'organizzazione e il funzionamento del SQNBA, dispone che i requisiti di certificazione in allevamento debbano essere individuati da un Comitato Tecnico Scientifico per il Benessere Animale (CTSBA), la cui composizione è stata stabilita con decreto n. 0122818 del 24 febbraio 2023, emanato da lMinistro dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (MASAF) di concerto con il Ministro della salute, sulla base di livelli di conformità superiori a quelli legislativi stabiliti dalle norme vigenti.
Gli operatori del settore primario e quelli della filiera, ottenuta la certificazione, potranno quindi utilizzare le informazioni previste dal SQNBA per contraddistinguere e valorizzare sia gli animali sia i prodotti provenienti da allevamenti conformi al citato sistema. Le iniziative previste dal SQNBA, risultano pertanto fondamentali per la valorizzazione e la crescita della filiera zootecnica, in linea con i nuovi orientamenti comunitari alla base della nuova PAC del periodo 2023/2027, del PNRR, nonché della strategia "Farm to Fork", che si pone l'obiettivo di far transitare, nel medio periodo, tutti i produttori verso una produzione alimentare sostenibile.
Il SQNBA si inserisce pertanto in una più ampia strategia finalizzata a sostenere il processo di transizione del settore zootecnico verso un modello allevatoriale più sostenibile, migliorare il benessere degli animali, innalzare la qualità e salubrità delle produzioni agroalimentari e ridurre l'antimicrobico resistenza (AMR), nella consapevolezza che benessere animale e consumo di farmaci sono elementi tra loro sempre di più interconnessi.

Decreto interministeriale recante la disciplina del "Sistema di qualità nazionale per il benessere animale" istituito ai sensi dell'articolo 224 bis del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, introdotto dalla legge di conversione 17 luglio 2020, n. 77, entrato in vigore il giorno 30-11-2022.

Incontro sul Sistema di qualità Nazionale Benessere animale (SQNBA) - opportunità e indicazioni operative: 17 aprile 2024

Il Sistema di Qualità Nazionale per il Benessere Animale è un sistema di certificazione degli allevamenti e dei prodotti di origine animale finalizzato al miglioramento delle condizioni di benessere animale, a migliorare la sostenibilità dei processi produttivi e la trasparenza nei confronti dei cittadini. Il sistema, istituito ai sensi dell'articolo 224-bis della Legge 17 luglio 2020, n. 77, è frutto della collaborazione tra il Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (MASAF), il Ministero della salute e Accredia (Ente Italiano di Accreditamento).

Con il Decreto interministeriale 2 agosto 2022 sono state stabilite le regole generali per l'ottenimento della certificazione dell'allevamento, mediante la valutazione di parametri, stabiliti su base scientifica, concernenti non solo il benessere animale, ma anche la biosicurezza, l'impatto ambientale ed il consumo del farmaco, con particolare attenzione nei confronti degli antibiotici critici per la salute umana.

Il SQNBA vuole rappresentare una disposizione unica di riferimento nella certificazione volontaria relativa al benessere animale, basata sulla valutazione di parametri scientifici, ed ha l'obiettivo di mettere quindi ordine nei vari protocolli di certificazione al momento esistenti concernenti lo stesso ambito, contribuendo ad una informazione più chiara al cittadino. Inoltre, il sistema si inserisce in una più ampia strategia finalizzata a sostenere il processo di transizione del settore zootecnico verso un modello allevatoriale più sostenibile, migliorare il benessere degli animali, innalzare la qualità e salubrità delle produzioni agroalimentari e ridurre l'antimicrobico resistenza (AMR), nella consapevolezza che benessere animale e consumo di farmaci sono elementi tra loro sempre di più interconnessi.

A questa strategia concorrono diversi strumenti attivabili nell'ambito della Politica agricola comune, quali il rafforzamento dell'assistenza tecnica attraverso la consulenza aziendale, la condivisione di informazioni strategiche disponibili nelle banche dati sanitarie e zootecniche, lo scambio di buone pratiche e il trasferimento dei risultati della ricerca.

In questo contesto, il sistema di qualità benessere animale mira a perseguire le finalità introdotte dalle Strategie Farm to Fork e Biodiversità 2030, relativamente alle tematiche di benessere animale e alla sostenibilità ambientale, contribuendo anche alla protezione ed alla resilienza delle zone agricole e rurali.

Il SQNBA prevede l'adesione volontaria da parte degli allevatori ad un disciplinare di produzione caratterizzato da una serie di impegni che vanno oltre i pertinenti limiti minimi di legge, e che prendono a riferimento la sanità animale, la biosicurezza, la gestione dell'intera fase allevatoriale e le emissioni nell'ambiente. Per accelerare questo percorso, il Piano strategico della PAC ha previsto l'attivazione di uno specifico intervento applicato a livello nazionale: "Eco-schema 1 - Pagamento per la riduzione della antimicrobico resistenza e il benessere animale".

Gli impegni che caratterizzano ciascun disciplinare di produzione sono stati definiti da un Comitato tecnico scientifico (CTSBA) composto da rappresentanti del Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, del Ministero della Salute, delle Regioni e Province autonome (componente agricoltura e componente sanitaria), del Centro

per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, degli Istituti zooprofilattici sperimentali di Lombardia-Emilia Romagna e di Abruzzo-Molise, di Accredia, oltre a tre esperti in materia di benessere animale.

In data 17 aprile 2024 i disciplinari per la certificazione SQNBA per i Bovini e i suini da ingrasso allevati all'aperto sono stati presentati alle Regioni e al partenariato economico e sociale, con l'obiettivo di illustrare gli impegni che gli allevatori interessati dovranno rispettare per ottenere la certificazione, le modalità di controllo e vigilanza sull'intero sistema di certificazione.

All'incontro hanno partecipato in presenza 70 rappresentanti del partenariato istituzionale, economico e sociale, mentre in collegamento streaming i lavori sono stati seguiti da 564 utenti.

Registrazione dell'evento

Bozze dei disciplinari

 
 
 
 

Slides dei relatori

 
 
 

Osservazioni del partenariato

 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna all'inizio del contenuto