Naviga




Coordinamento delle attività di supporto alla definizione del Piano Strategico Nazionale (Regolamento PAC 2021-2027) e analisi economica dei Piani di gestione delle acque (Direttiva 2000/60/CE)

18, 19, 25 maggio 2021

Il 18, 19 e 25 maggio 2021 si sono svolti gli incontri organizzati dal CREA Centro di ricerca Politiche e Bio-economia nell'ambito dell'Accordo di cooperazione per l'attuazione del Programma Nazionale per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 finalizzati a rispondere alle richieste di informazioni e chiarimenti da parte delle Autorità di bacino distrettuale in merito ai dati raccolti, elaborati e trasmessi ai fini della predisposizione degli indicatori previsti nel Manuale Operativo per l'implementazione dell'analisi socioeconomica necessaria ai fini dell'aggiornamento dei Piani di Gestione delle Acque (DQA 2000/60) e altresì utili alla redazione del Piano Strategico Nazionale (PAC), nell'ottica dell'integrazione tra le principali politiche per la tutela quali-quantitativa della risorsa idrica. 
Ad ognuna delle Autorità di Bacino Distrettuale è stata dedicata una specifica sessione di approfondimento in cui i partecipanti hanno potuto rivolgere le loro domande e richieste di chiarimento in merito ai dati forniti per il popolamento degli indicatori utili all'analisi socioeconomica dei diversi usi e utilizzi di cui l'attività agricola si compone (utilizzo agricolo irriguo e zootecnico - attività agricola non irrigua, acquacoltura e pesca).  L'adesione agli incontri è stata nel complesso soddisfacente, facendo registrare la presenza di più di 120 partecipanti.

Al termine degli incontri è stato somministrato ai partecipanti un questionario di gradimento dal quale è emerso come l'obiettivo degli stessi sia stato pienamente raggiunto. La quasi totalità di chi ha espresso le sue valutazioni (88%) ha infatti ritenuto gli incontri utili ad aumentare la conoscenza sull'integrazione tra la Politica Agricola Comune (PAC) e la Direttiva Quadro sulle Acque 2000/60 (DQA). Le indicazioni fornite sono state utili per il 97% dei rispondenti e più del 70% ha ritenuto pienamente soddisfatte le proprie aspettative sull'incontro. Infine, il livello di utilità complessiva è stato valutato, su una scala da 1 a 5, pari a 4 per il 40% degli intervistati.

Le prossime fasi vedono il CREA PB coinvolto nella presentazione dei risultati emersi dalla raccolta ed elaborazione delle informazioni relative al Servizio di gestione della rete e delle opere di bonifica ai fini di difesa idraulica e presidio idrogeologico e servizio di gestione dei corsi d'acqua naturali e delle opere idrauliche e del Piano di Gestione del Rischio Alluvioni secondo quanto previsto dal "Manuale operativo e metodologico per l'implementazione dell'analisi economica", considerato un tassello importante nel valutare il contributo complessivo dell'attività degli enti irrigui e di bonifica nell'ambito dell'Analisi economica e una proposta sulle misure da adottare per il settore agricolo.


L'integrazione tra la Politica Agricola Comune (PAC) e la Direttiva Quadro sulle Acque 2000/60 (DQA) risulta necessaria per contribuire in maniera efficace al perseguimento degli obiettivi di tutela quali-quantitativa della risorsa idrica tramite azioni sinergiche tra le due politiche, sia nella fase di definizione che in quella di attuazione, implementazione e monitoraggio, al fine di ottenere effetti ambientali positivi diffusi, soprattutto in considerazione del ruolo rilevante che il settore agricolo ricopre nella gestione del territorio. La concomitanza temporale tra il terzo ciclo di Pianificazione della DQA e della PAC 2021-2027, quest'ultima ora prorogata di due anni, offre una grande opportunità di coordinamento e di sinergia tra le due pianificazioni, in particolare nella definizione del PSN e di misure coerenti con quelle individuate nei Piani di Gestione, perseguibile attraverso la cooperazione tra le diverse autorità responsabili della pianificazione dello Sviluppo rurale e della gestione dei bacini idrografici, a tutti i livelli appropriati.
 
In virtù di tale sinergia, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con il supporto
tecnico del CREA Centro Politiche e Bioeconomia (CREA PB) nell'ambito dell'Accordo di cooperazione per l'attuazione del Programma Nazionale per lo Sviluppo Rurale 2014-2020, insieme con il Ministero della Transizione Ecologica con il supporto tecnico di Sogesid SpA nell'ambito della L6 WP1 del Progetto CReIAMO PA, le Autorità di Bacino Distrettuali, le Regioni e Provincie Autonome, sta portando avanti un'intensa attività di coordinamento, avviata già a partire dalla fine del 2019 e successivamente con un primo ciclo di incontri tenutisi con tutti i Distretti tra febbraio e marzo 2020, con l'intento di individuare e coordinare gli elementi comuni ad entrambi i piani, sia ai fini della valutazione dei fabbisogni ed esigenze del settore agricolo e gestione delle risorse idriche, sia per approfondire le specifiche problematiche e condividere esigenze e proposte in merito alle modalità di raccolta e condivisone dei dati utili.

Il 18, 19 e 25 maggio 2021, il CREA PB ha programmato un ulteriore ciclo di incontri di approfondimento finalizzati a rispondere alle richieste di informazioni e chiarimenti da parte dei partecipanti in merito ai dati che il Centro ha raccolto ed elaborato per il settore agricolo ai fini della predisposizione degli indicatori previsti nel Manuale Operativo per l'implementazione dell'analisi socioeconomica.
 
Per maggiori informazioni:
at_acqua@crea.gov.it

 
 
torna all'inizio del contenuto