Naviga

Comunicati stampa

Approvato il nuovo piano di regolazione dell'offerta del prosciutto San Daniele DOP per gli anni 2021-2023.

Bellanova: "Bene gli strumenti di regolamentazione attuati dal mondo produttivo. Solo coesi possiamo uscire dalla crisi"

(23.12.2020)
 

E' stato firmato dalla Ministra Teresa Bellanova il nuovo piano produttivo del Consorzio San Daniele Dop, che regola i volumi della produzione del prosciutto San Daniele DOP per gli anni 2021-2023, e contribuisce ad equilibrare l'offerta della domanda del prodotto sul mercato.

Lo strumento, adottato dal Consorzio gi dal 2013, con una sperimentazione resa poi ufficiale nel 2015, ha dimostrato in questi anni come la regolazione dell'offerta non sia una restrizione ma come, se applicata in maniera equilibrata, possa assicurare un percorso  per garantire la giusta tutela e valorizzazione del prodotto sul mercato.

"Il settore dei prosciutti DOP ha subito quest'anno conseguenze economiche particolarmente pesanti a causa dell'emergenza Covid. Siamo intervenuti a pi riprese prevedendo importanti misure, come ad esempio gli acquisti pubblici a valere sul Fondo Indigenti e i contributi resi possibili grazie al Fondo Filiere Zootecniche in crisi. Misure che possono essere anora pi incisive se accompagnate da strumenti di regolamentazione dell'offerta attuati in maniera condivisa dal mondo produttivo". Cosi la Ministra Teresa Bellanova. "Il nuovo piano produttivo del Consorzio San Daniele Dop, che ho firmato oggi, va in questa direzione. Ci troviamo di fronte a un mercato mai come quest'anno soggetto a cos forti condizionamenti esterni, derivanti in particolare dalla chiusura del canale ho.re.ca, e che hanno determinato un andamento fortemente altalenante della domanda.  Un disequilibrio che impatta sull'operativit delle aziende produttrici che si trovano a gestire surplus di prodotto con evidenti rischi sulla tenuta del prezzo. Di fronte a questo scenario", ha concluso la Ministra,  " necessario fare squadra: con i produttori, le aziende, i consorzi. Solo lavorando in modo coeso, come un unico sistema, possiamo costruire prospettive per uscire dalla crisi che continuiamo ad attraversare".

Ufficio Stampa




 
torna all'inizio del contenuto