Naviga

Comunicati stampa

Partinico  - Operazione vino adulterato. Bellanova: "Diritti del consumatore, salvaguardia delle indicazioni geografiche, contrasto alla concorrenza sleale punti forti nella difesa del made in Italy. Si conferma la qualita' e la capillarita' del nostro sistema di controllo e tutela".

(01.12.2020)

"Una operazione importante, capillare, che ha fatto emergere un vero e proprio sistema economico e produttivo basato sulla contraffazione, sulla frode, sulla concorrenza sleale a danno delle nostre indicazioni geografiche, delle imprese sane, dei consumatori. Grazie al nostro ICQRF, alla Procura e alla Guardia di Finanza, Comando Provinciale di Palermo per il loro importante lavoro.

Ancora una volta si conferma la qualit del nostro sistema di contrasto alle frodi alimentari e alla contraffazione, rafforzato proprio recentemente dal Protocollo d'Intesa stipulato nel luglio scorso tra Comando generale della Guardia di Finanza e il nostro Ispettorato. Un protocollo virtuoso, che sottolinea e implementa le proficue sinergie gi in atto sui territori, valorizzando e ottimizzando l'azione a tutela della filiera agroalimentare contro ogni forma di concorrenza sleale".

Cos la Ministra Teresa Bellanova a commento della vasta indagine che ha portato al sequestro di un laboratorio clandestino e uno stabilimento enologico a Partinico, grazie al lavoro congiunto dell'Ispettorato repressione Frodi e della Guardia di Finanza di Palermo, facendo emergere un sistema di contraffazione a danno di indicazioni geografiche o denominazioni di origine, nonch prodotti sofisticati con zucchero e acqua.
"Presidiare la legalit in un settore strategico per il nostro Paese e la nostra economica come l'agroalimentare fondamentale", prosegue Bellanova.

"Per difendere la reputazione del made in Italy nel mondo e sostenere le migliaia di imprese che quotidianamente scommettono su qualit, eccellenza, rispetto delle regole".


Ufficio Stampa



 
torna all'inizio del contenuto