Naviga

Comunicati stampa

Ciae, Bellanova: "Settore agroalimentare fondamentale e strategico per il Paese" .

"Contemplare nel PNRR solo proposte realizzabili. Vietato sprecare o perdere risorse".
(09.09.2020)

Il ruolo del settore agroalimentare, i criteri di scelta e selezione degli interventi, lo stop al consumo di suolo come criterio fondamentale nella realizzazione degli investimenti previsti, l'interazione tra Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e le risorse ordinarie, il rilancio delle aree interne.Sono questi alcuni dei temi sollevati dalla Ministra Teresa Bellanova stamane nel corso del confronto del Governo sulle Linee Guida per la Definizione del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza nel Comitato Interministeriale per gli Affari europei, presieduto dal Presidente Conte e dal Ministro Amendola."Mi soffermo su alcune questioni nodali", ha esordito la Ministra, "prima tra tutte il ruolo del settore agroalimentare, fondamentale e strategico per il contributo che pu dare al Paese per la transizione verde, per la crescita economia e la creazione di occupazione. Ruolo espressamente riconosciuto dallo stesso Green Deal europeo e rafforzato nella recente strategia Farm to Fork. E' vero, il Documento su cui ci confrontiamo oggi non fa esplicito riferimento a settori specifici, alcuni punti ritengo debbano essere fissati. E tra questi l'assoluta coincidenza tra interesse nazionale, sovranit e sicurezza alimentare, ruolo dell'agricoltura nella tutela e valorizzazione del paesaggio e delle aree interne, capacit attrattiva delle nuove generazioni per la creazione di nuovi posti di lavoro".Bellanova ha dunque affrontato il tema delicato dei criteri di scelta. "In linea di principio", ha puntualizzato la Ministra, "tutte le proposte del PNRR possono essere finanziate con fondi UE. Per evitare fraintendimenti, ritengo andrebbe precisato che sono da escludere i progetti che possono beneficiare di fondi UE, in quanto previsti da misure gi inserite in programmi nazionali".Quindi, i tempi di realizzazione. "Il PNRR", ha sottolineato Bellanova, "dovr contenere solo proposte realizzabili in tempi certi. Per le opere pubbliche, necessario prevedere solo progetti almeno definitivi, con priorit agli esecutivi. Vale a dire progetti che abbiano ricevuto tutti i pareri previsti e sono pronti a partire, altrimenti il rischio di perdere risorse altissimo. Discorso che vale soprattutto per i cosiddetti "progetti storici"! Non si pu rischiare di perdere questi fondi. E anche per questo bisogner definire con grande rigore il sistema dell'interazione tra risorse ordinarie, risorse rivenienti dai programmi europei, Piano nazionale Ripresa e Resilienza".

Ufficio Stampa

 
torna all'inizio del contenuto