Naviga

Comunicati stampa

Mipaaf, Bellanova "In sei mesi messi in campo oltre due miliardi per il settore. L'agricoltura laboratorio per il Paese"


(21.07.2020)


"In questi sei mesi abbiamo messo in campo per il settore pi di 2 miliardi di euro. Una cifra che fino a qualche tempo fa sarebbe sembrata inarrivabile e che oggi certamente utile, ma non risolutiva. Abbiamo ancora moltissimo da fare, perch se da un lato l'emergenza sanitaria ora sotto controllo, quella economica, alimentare e sociale va ancora gestita con grande attenzione e con risposte semplici e concrete". Cos la Ministra Teresa Bellanova nel corso del suo intervento all'Incontro con gli Alti dirigenti Coldiretti, apertosi con la firma del Decreto per l'indicazione obbligatoria dell'origine delle carni suine nei prodotti trasformati, condiviso con i Ministri Patuanelli e Speranza.

"Difendere il reddito degli agricoltori", ha affermato Bellanova, " stata la mia parola d'ordine. E sono soddisfatta del lavoro che abbiamo fatto sul Decreto rilancio. 
Abbiamo introdotto il pi grande esonero contributivo straordinario che sia stato fatto per le filiere in crisi. Uno strumento immediato, semplice, che consente alle imprese di sapere che da gennaio a giugno i contributi previdenziali dovuti per i lavoratori li versa lo Stato. Investiamo 426 milioni di euro su questa misura per le filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole, dell'allevamento, dell'ippicoltura, della pesca e dell'acquacoltura. Una misura che, certo, si resa cogente dinanzi alla crisi generata dalla pandemia ma che io lego fortemente alla decisione in legge di Bilancio   dell'azzeramento Irpef. Misura che da sola valeva circa 180milioni di euro, nella scia delle scelte, ancor prima, negli anni di nostro Governo su Imu, Irap e sempre Irpef". 

"Meno tasse, pi opportunit", ha proseguito la Ministra, continuando: "L'agricoltura per me esattamente questo: un laboratorio per il Paese. Perch un euro investito in agricoltura, adesso lo sappiamo tutti con indiscutibile evidenza e consapevolezza e dovrebbe saperlo con altrettanta evidenza anche l'Europa, un euro investito in sovranit, sicurezza alimentare e degli approvvigionamenti, diritto al cibo per le persone pi fragili e le nuove povert prodotte dall'emergenza. Ed giusto che il vostro ruolo di custodi della vita venga giustamente remunerato e riconosciuto".

"Il lockdown", ha poi detto Bellanova, "ci ha dimostrato tutta la centralit della filiera del cibo, ma anche le sue fragilit. Evidenziando la necessit di lavorare di pi e meglio per garantire l'autoapprovvigionamento, rendendo pi solide le relazioni tra Stati membri.
Per questo dico che l'Italia deve portare in Europa idee, proposte, un modello di distintivit che fatto di sostenibilit sociale, economica e ambientale, di attenzione per l'inclusione sociale, di agricoltura biologica, di ricerca e innovazione, di storie di vita.  fatto anche di lavoro agricolo di qualit, un versante sul quale dobbiamo dire con chiarezza che ci sono migliaia di aziende oneste che faticano e rispettano tutte le regole e ci sono anche criminali che sfruttano. Su questo mi sono battuta e mi continuer a battere sempre. E per questo ho voluto anche una norma di ripristino della legalit e di civilt come quella sull'emersione. stato giusto limitarsi al settore agricolo e dell'assistenza domestica? L'ho detto altre volte e lo ribadisco: no.  
Ma avere oggi pi di 15mila persone, prima invisibili, che possono lavorare regolarmente nelle nostre campagne e al momento, insieme alle quasi tremila domande in lavorazione, le circa 6mila richieste di permesso di soggiorno tramite il canale postale, credo sia anche un risultato utile per il settore. Se pensate che nel decreto flussi ogni anno la quota agricola degli stagionali si aggira intorno alle 14 mila unit, capite bene che tipo di impatto abbia avuto".



UFFICIO STAMPA 

 
torna all'inizio del contenuto