Naviga

Comunicati stampa

Conferenza Stato-Regioni: ok alle misure per la lotta alla cimice asiatica. Mipaaf, Bellanova: "prevenzione, controllo, contrasto. Cosi' sosteniamo le imprese nella difesa delle colture"

(31.03.2020) 


Le misure da adottare sul territorio nazionale per la prevenzione, il controllo, il contrasto alla diffusione della cimice asiatica e per avviare le procedure di indennizzo dei danni agli agricoltori non appena completata la delimitazione e la dichiarazione dello stato di calamit naturale a carico delle Regioni interessate. E' quanto prevede il Decreto del Ministro delle Politiche Agricole, condiviso con Regioni e mondo produttivo, approvato nella seduta odierna della Conferenza Stato Regioni.
Il decreto prevede anche precise modalit di contrasto alla cimice concordate a livello nazionale con tutti i Servizi Fitosanitari regionali e con le strutture tecnico-scientifiche presenti sul territorio.
Un atto organico, con l'obiettivo di affrontare questa emergenza in tutti i suoi aspetti mettendo in campo i vari strumenti possibili, dal sostegno alle imprese alla prevenzione al contrasto della diffusione alla informazione.
Contestualmente, sempre nella odierna Conferenza Stato-Regioni, arriva anche il via libera al Decreto del Ministero dell'Ambiente per l'utilizzo della vespa-samurai, antagonista naturale della cimice asiatica.
"Gli interventi a sostegno delle aziende colpite dalla cimice e gli strumenti per combatterla sono ora nella disponibilit delle imprese e dei territori", commenta la Ministra Teresa Bellanova, "a conclusione di un percorso condiviso sin dall'inizio con tutti i soggetti coinvolti da questa emergenza. In questi mesi" aggiunge la Ministra Teresa Bellanova, "i nostri Uffici hanno lavorato intensamente, in una relazione costante con l'Europa e con le Regioni.
Abbiamo sempre sostenuto come questa fosse un'emergenza nazionale ed europea, strettamente connessa anche al grande tema dei cambiamenti climatici. Quelle imprese e quei territori hanno diritto a tutta la nostra attenzione. Un'attenzione che continueremo a garantire in tutti i modi".

Ufficio Stampa

 
torna all'inizio del contenuto