Naviga

Comunicati stampa

Piano triennale prevenzione e contrasto al caporalato Mipaaf, Bellanova: "non esistono filiere sporche. necessaria una pi equa distribuzione del valore"  
(20 02 2020)


"Non esistono filiere sporche. Esistono i comportamenti penalmente rilevanti delle singole imprese, che dobbiamo mettere fuori dal sistema. Noi per questo investiremo sulla semplificazione amministrativa, sul collegamento e la condivisione dei dati tra diverse istituzioni, sui contratti di filiera e nelle politiche di filiera, perch vogliamo una pi equa distribuzione del valore e vogliamo trovare un'alleanza col cittadino". Cos la Ministra Teresa Bellanova, oggi al Tavolo presso il Ministero del Lavoro per approvare il Piano triennale di prevenzione e contrasto al caporalato. " il consumatore che deve aiutarci a spezzare la catena dello sfruttamento, perch se un prodotto viene venduto sotto il costo di produzione, c' qualcuno che quel costo lo paga. Sia il lavoratore in nero o l'azienda agricola o di trasformazione che non ce la fa. Per questo stiamo lavorando a rafforzare le norme per filiere pi giuste a partire dalla lotta alle pratiche sleali di mercato",  spiega Bellanova. E ancora "La funzione rilevante della Rete del lavoro agricolo di qualit evidente: il piano stesso segnala l'esigenza che condivido di rendere effettiva la sua essenza di precontrollo delle aziende, orientando cos i controlli sui non iscritti, e va rafforzata nell'apertura delle sezioni territoriali e sulle premialit. Nel collegato agricoltura alla legge di bilancio, che presenteremo a giorni, c' una proposta normativa in questo senso e che stata condiviso al Tavolo di contrasto al caporalato." "Dobbiamo rafforzare ed esaltare il valore delle imprese alimentari e agricole come laboratori di integrazione quotidiana", conclude la Ministra. "Soprattutto nelle aree interne e rurali, dove l'attivit agricola un presidio fondamentale per il territorio e dove si sperimentano forme reali di integrazione sociale e culturale, non solo lavorativa".


UFFICIO STAMPA

 
torna all'inizio del contenuto