1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Colonna di destra
Menu principale di navigazione

Menu principale di navigazione

  1. Ministero
  2. Notizie
  3. Politiche europee
  4. Politiche nazionali
  5. Controlli
  6. Prodotti DOP e IGP
  7. Ricerca
  8. OpenData
Contenuto della pagina

Ortofrutta - Delega alla fatturazione e contratto di leasing

Chiarimenti  in ordine alla possibilitÓ, per un socio delegato dalla propria OP ad effettuare la  fatturazione, di sottoscrivere direttamente anche il contratto di vendita ed alla ammissibilitÓ  nel programma operativo di un dato anno, della spesa afferente un contratto di leasing stipulato dall'OP nell'anno precedente.

Risposta al quesito (estratto dalla nota ministeriale 04/02/2013 n.961)
Relativamente alla possibilitÓ da parte di un socio delegato alla fatturazione di un certo prodotto, di poter anche sottoscrivere il relativo contratto di vendita, si evidenzia che l'allegato al DM 4672/2012, al capitolo 5, lettera f), tra le condizioni da soddisfare nell'ambito dell'istituto della fatturazione delegata, riporta che "la contrattazione e le condizioni di vendita sono definite dall'ufficio commerciale della OP".

Alla luce di quanto detto sopra, si ritiene che nell'ambito di una politica unitaria di vendita che individua nell'OP il soggetto promotore unico nelle fasi della programmazione e delle vendite dei prodotti dei propri soci, la stipula dei contratti competa alla OP, che pu˛ essere autorizzata dalla Regione competente a delegare, per ragioni di opportunitÓ organizzative debitamente giustificate, la mera attivitÓ di fatturazione ad un proprio socio.  

Relativamente alla ammissibilitÓ nel programma operativo, a partire dall'annualitÓ considerata, delle spese relative ad un contratto di leasing stipulato nell' anno precedente per l'acquisto di una macchina calibratrice, va premesso che deve trattarsi di spesa effettuata alle condizioni stabilite al punto 14 lettera a) dell'allegato IX al regolamento (UE) n.543/2011, nei limiti del valore netto commerciale del bene e con la formula del patto di acquisto.

In merito alla questione temporale, l'aver stipulato nell'anno precedente tale contratto ed aver giÓ effettuato nel medesimo anno anche il primo pagamento, non costituisce  motivo ostativo a rendere la restante parte della spesa non ammissibile al finanziamento. 

In ultimo, per dare completezza all'investimento eseguito, anche rispetto all'esigenza di misurazione della rispondenza dell'investimento agli obiettivi che l'OP si era prefissata con la sua realizzazione, si concorda circa l'opportunitÓ di prevedere il riporto al successivo programma operativo delle spese relative alle annualitÓ residue del contratto di leasing, in analogia a quanto previsto dall'art. 60 par. 5, del regolamento (UE) n.543/2011, per gli investimenti e i contratti di locazione finanziaria.