Naviga

Allerta caldo bovini da latte

L'intervallo di temperatura che delimita la zona di confort termico specifico per le diverse razze e varia in funzione dell'et, dello stato fisiologico e delle condizioni di salute. Quando le condizioni ambientali superano i limiti critici e il calore prodotto o assorbito maggiore di quello dissipato l'animale va in ipertermia. Di conseguenza la prolungata esposizione a condizioni di caldo ambientale compromette le capacit di termoregolazione propri dell'organismo, causando stress, malori o perfino la morte dell'animale. L'organismo si difende dal caldo attraverso tre meccanismi: sudorazione, vasodilatazione e respirazione. La sudorazione sottrae calore all'interno del corpo e lo porta sulla superficie cutanea, dove l'evaporazione, un processo molto endotermico, elimina il calore dal corpo, raffreddandolo. La vasodilatazione consente un maggior flusso di sangue nelle zone periferiche, facilitando la perdita di calore e dunque il raffreddamento del corpo. Infine, l'aumento nella frequenza degli atti respiratori in presenza di elevate temperature permette di raffreddare il cavo orale e disperdere l'eccesso di calore. Lo stress da caldo genera una risposta adattativa che pi o meno efficace a seconda dell'intensit e delle condizioni di stress. In generale si pu affermare che l'esposizione alle elevate temperature per periodi prolungati provoca un peggioramento dello stato fisiologico dell'animale.

Effetti negativi dell'esposizione a temperature elevate

Possiamo suddividere gli effetti negativi da stress da caldo nella bovina da latte in tre categorie:

Sanitari

  • - Immunodepressione
  • - Aumentata suscettibilit nei confronti di patologie quali: laminiti, mastiti, metriti, prolasso utero
  • - Disfunzioni metaboliche: acidosi, dislocazione dell'abomaso
  • - Morte dell'animale in situazione di stress da caldo elevato e prolungato

Produttivi

  • - Calo della quantit di latte prodotto
  • - Peggioramento della qualit del latte (calo di grasso, proteine e aumento delle cellule somatiche)

Riproduttivi

  • - Aumento calori silenti
  • - Diminuzione tasso di concepimento
  • - Aumento intervallo interparto


E' importante sottolineare come gli effetti negativi dello stress da caldo non si arrestano allo scomparire delle cause (elevate temperature), ma possono permanere per periodi pi o meno lunghi.
Tabella misure preventive
Classe di rischio Misure preventive

Rischio nullo
Assenza di stress
  • • Posizionare reti ombreggianti sovrastanti le temperature con particolare attenzione al lato ovest in stalle orientate Nord-Sud
  • • Aumentare la disponibilità di acqua
  • • Effettuare la raccolta di embrioni per l'impiego estivo

Rischio minimo
Stress moderato
  • • Accendere i sistemi di raffrescamento, molto efficace l'associazione di acqua e ventilazione, soprattutto nella sala d'attesa e in sala parto
  • • Favorire la ventilazione naturale attraverso l'apertura delle porte e finestre
  • • Aumentare la quantità di acqua fresca a disposizione
  • • Aumentare l'integrazione di sostanze saline (Na, K, Mg) e antiossidanti (Se, Vit. E)
  • • Modificare la razione al fine di mantenere inalterato il livello d'ingestione e/o di energia metabolizzabile (vedi suggerimenti alimenatari)
  • • Prestare particolare attenzione al rilevamento dei calori (personale, podometri, marcatori per cavalcamento)
  • • Pianificare gli interventi di inseminazione artificiale attraverso programmi di sincronizzazione per migliorare l'efficienza riproduttiva
  • • Ricorrere alla pratica Embryotransfer

Rischio medio
Stress elevato
  • • Accendere i sistemi di raffrescamento, molto efficace l'associazione di acqua e ventilazione, soprattutto nella sala d'attesa e in sala parto
  • • Favorire la ventilazione naturale attraverso l'apertura delle porte e finestre
  • • Aumentare la quantità di acqua fresca a disposizione
  • • Aumentare l'integrazione di sostanze saline (Na, K, Mg) e antiossidanti (Se, Vit. E)
  • • Modificare la razione al fine di mantenere inalterato il livello d'ingestione e/o di energia metabolizzabile (vedi suggerimenti alimenatari)
  • • Prestare particolare attenzione al rilevamento dei calori (personale, podometri, marcatori per cavalcamento)
  • • Favorire l'uscita all'aperto in paddock con zone d'ombra (4-6 mq capo), se non esistenti disporre reti ombreggianti (a 3,5 m di altezza)
  • • In caso di orientamento est-ovest della stalla disporre reti ombreggianti sovrastanti gli ingressi
  • • Pianificare gli interventi di inseminazione artificiale attraverso programmi di sincronizzazione per migliorare l'efficienza riproduttiva
  • • Ricorrere alla pratica Embryotransfer

Rischio massimo
Emergenza
  • • Accendere i sistemi di raffrescamento, molto efficace l'associazione di acqua e ventilazione, soprattutto nella sala d'attesa e in sala parto
  • • Favorire la ventilazione naturale attraverso l'apertura delle porte e finestre
  • • Aumentare la quantità di acqua fresca a disposizione
  • • Aumentare l'integrazione di sostanze saline (Na, K, Mg) e antiossidanti (Se, Vit. E)
  • • Prestare particolare attenzione al rilevamento dei calori (personale, podometri, marcatori per cavalcamento)
  • • Modificare la razione al fine di mantenere inalterato il livello d'ingestione e/o di energia metabolizzabile (vedi suggerimenti alimenatari)
  • • Favorire l'uscita all'aperto in paddock con zone d'ombra (4-6 mq capo), se non esistenti disporre reti ombreggianti (a 3,5 m di altezza)
  • • In caso di orientamento est-ovest della stalla disporre reti ombreggianti sovrastanti gli ingressi
Nel corso degli anni sono stati sviluppati diversi indici bioclimatici per esprimere il livello di disagio causato da condizioni climatiche sfavorevoli. Il THI (Temperature Humidity Index) un indice bioclimatico che combina l'effetto simultaneo della temperatura e della umidit relativa ed utilizzato per caratterizzare lo stress da caldo negli animali da reddito.
Tabella formula thi
Diverse formule sono state proposte per calcolare il THI, quella pi comunemente utilizzata (NOAA, 1976) la seguente:
THI (C) = Ta - (0.55 - 0.55 x UR) x (Ta - 58)
Ta = temperatura dell'aria (C) = [(1.8 x TC) + 32]
UR = umidit relativa (%)
Nella tabella seguente sono riportati i valori di THI calcolati a partire dai diversi valori di temperatura ed umidit relativa e suddivisi nelle quattro classi di rischio riscontrate per la bovina da latte.
tabella umidit relativa
torna all'inizio del contenuto