Naviga

Comunicati stampa

Carne sintetica. Lollobrigida, legge democratica. Europa segua esempio Italia

(14.11.2023)

 


"Stiamo per approvare in via definitiva una delle leggi pi democratiche che abbiamo avuto nella nostra Nazione, nata in seguito a una petizione che chiede di vietare questo tipo di produzioni. A sostegno del provvedimento ci sono oltre 2 milioni di firme, tra le quali ci sono rappresentanti istituzionali di tutti i partiti presenti in Parlamento, pi di 3mila ordini del giorno dei Comuni e venti Regioni di ogni colore politico", cos il ministro dell'Agricoltura, della Sovranit alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida

"Notificheremo la legge all'Europa subito dopo la sua approvazione", - ha sottolineato il ministro - "come avvenuto in tante altre circostanze. Auspichiamo che l'esempio italiano venga seguito a livello europeo, con lo stesso modello con il quale si scelse di evitare gli Ogm nel continente. Un buon governo quando c' una richiesta cos forte si chiede se una cosa giusta, e se la condivide, l'approva il pi rapidamente possibile".
"Sono orgoglioso che l'Italia sar tra qualche giorno la prima Nazione a proibire un prodotto che c'entra poco con quello che il nostro sistema alimentare e produttivo, e mette in discussione la stessa cura dell'ambiente, che passa dai nostri agricoltori e dai nostri allevatori. Il rapporto tra alimenti, terra e uomo un rapporto millenario che non pu essere riproposto in laboratorio", ha ribadito il ministro. 

"Se si arrivasse a una standardizzazione del cibo, l'elemento della qualit passerebbe in secondo piano e non avrebbe pi ragion d'essere. Sostenere che la sicurezza alimentare si possa garantire attraverso questo meccanismo, significa dire che non si vogliono dare alimenti di qualit a tutti. Non ci arrendiamo all'idea che ci sia un mondo nel quale una lite possa continuare a mangiar bene e miliardi di persone siano costrette a nutrirsi con prodotti alla stregua di un carburante per sopravvivere. Una societ divisa in due non appartiene alla nostra cultura e la respingiamo fermamente", ha concluso il ministro.

torna all'inizio del contenuto