Naviga

Comunicati stampa

Intesa in Conferenza Stato-Regioni su decreto pagamenti diretti PSP

(21.12.2022)

 

Su proposta del Ministro dell'agricoltura, della sovranit alimentare e delle foreste Francesco Lollobrigida, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, nella seduta odierna ha sancito l'intesa sullo schema di decreto ministeriale relativo alle modalit di applicazione dei pagamenti diretti previsti dal Piano strategico della PAC 2023-2027.

Si tratta di un provvedimento molto atteso, adottato a sole tre settimane di distanza dall'approvazione del Piano strategico (Decisione del 2 dicembre 2022), con cui si disciplinano le modalit di erogazione dei Pagamenti diretti della PAC per l'anno 2023, interamente finanziati dall'Unione europea e finalizzati a sostenere il reddito degli agricoltori, con una dotazione di circa 3,6 miliardi di euro all'anno.

Il decreto ministeriale prevede la prosecuzione del cosiddetto sostegno di base al reddito degli agricoltori, cui sono destinati 1.678 milioni di euro all'anno e del processo di convergenza nazionale dei diritti all'aiuto, attraverso il quale, entro il 2026, tutti i diritti all'aiuto dovranno raggiungere un valore pari ad almeno l'85% della media nazionale.

Con lo stesso provvedimento si prevede, inoltre, l'avvio del cosiddetto sostegno redistributivo, che privilegia le aziende medio-piccole, destinatarie di un contributo aggiuntivo limitato ai primi 14 ettari posseduti e si attivano, per la prima volta, specifici interventi a finalit ecologico-ambientale (eco-schemi), cui sono destinati circa 900 milioni di euro all'anno.

Gli eco-schemi rappresentano una delle maggiori novit della PAC 2023-2027 e hanno l'obiettivo di stimolare l'assunzione di impegni ambientali pi ambiziosi e mirati alle peculiarit dei diversi territori e tipologie produttive, capaci di rafforzare in modo mirato il contributo dell'attivit agricola alla societ ed all'ambiente, di migliorare la sostenibilit di tutti i processi produttivi. 

Gli eco-schemi attivati sono 5 e prevedono l'impegno del settore zootecnico alla riduzione della resistenza antimicrobica, l'inerbimento delle colture arboree, la salvaguardia degli oliveti di particolare valore paesaggistico, il sostegno ai sistemi foraggeri estensivi con avvicendamento, e misure specifiche per gli impollinatori.

Viene infine rafforzata la politica in favore dei giovani agricoltori e potenziati gli aiuti accoppiati al reddito, finalizzati a settori o prodotti di particolare rilevanza dal punto di vista socio-economico e ambientale. I settori interessati dagli aiuti accoppiati sono: latte; carni bovine; carni ovine e caprine; frumento duro; semi oleosi (colza e girasole); riso; barbabietola da zucchero; pomodoro destinato alla trasformazione; olio d'oliva; agrumi; colture proteiche comprese le leguminose.

torna all'inizio del contenuto