Naviga

Comunicati stampa

Pesca. Lollobrigida, sistema Italia va protetto e valorizzato 

(14.09.2023)

 


"Il sistema della pesca in Italia va protetto e valorizzato, anche cercando di essere veloci, sia in termini emergenziali, come accaduto con il granchio blu, che in termini strategici. Implementeremo in maniera importante i fondi per lo smaltimento del granchio blu e per la protezione delle aziende di mitilicoltura, che rischiano la scomparsa. Abbiamo assunto a livello internazionale una posizione ferma sul "Piano di azione Ue" sulla pesca. Abbiamo detto "no" per responsabilit, per denunciare un quadro europeo nel quale si andava a colpire un nostro importante settore, dove circa il 30 per cento della flotta si dedica alla pesca a strascico. Dobbiamo tornare a considerare il mare e la nostra collocazione geografica quale elemento di forza della Nazione". Cos il ministro dell'Agricoltura, della Sovranit alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida, intervenendo al Forum Risorsa Mare, organizzato a Trieste dal ministero della Protezione civile e delle Politiche del mare e da The European House Ambrosetti e patrocinato da Palazzo Chigi, a cui hanno preso parte nella mattinata di oggi, tra gli altri il ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare Nello Musumeci, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani, il presidente della Commissione Industria, commercio, turismo, agricoltura e produzione agroalimentare del Senato Luca De Carlo e il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza.  

"La vera sfida alla quale dobbiamo andare incontro quella di un'Europa in grado di mettere insieme la sostenibilit ambientale con quella produttiva e modulare gli interventi con delle norme certe che guardano alla salvaguardia del pianeta senza cancellare la produzione", ha sottolineato il ministro. "La soluzione essere pragmatici. Dobbiamo difendere il sistema italiano, ponendoci come modello a livello mondiale, facendo elevare il livello della qualit e dando un valore aggiunto ai prodotti".

"Oggi vediamo sviluppare nell'economia del mare nuove attivit che sono rappresentate dalle eccellenze dei nostri imprenditori italiani, come nel caso dell'acquacoltura. Il mare un grande campo per realizzare buon cibo con metodologie che rendono un pesce di acquacoltura italiana migliore rispetto ad altri, prodotti con modelli differenti", ha concluso il ministro Francesco Lollobrigida.

torna all'inizio del contenuto