Naviga

Comunicati stampa

Intesa in CSR su provvedimenti a sostegno del settore vitivinicolo e olivicolo e dei prodotti DOP e IGP. Illustrato riparto fondi irrigui regionali

(08.06.2022)

stata raggiunta l'intesa in Conferenza Stato-Regioni su importanti provvedimenti fortemente voluti dal Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli e destinati al sostegno e allo sviluppo delle filiere agricole, con il via libera a una serie di modifiche relative al Piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia e alle modalit per l'assegnazione dei contributi a favore dei produttori di vino DOP, IGP e biologico.

In dettaglio, sono state apportate importanti modifiche al Piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia che puntano ad ampliare il raggio di azione per il contrasto dei vettori della Xylella fastidiosa e a includere negli indennizzi anche le operazioni di distruzione delle piante.
stato inoltre dato il via libera allo schema di decreto, di concerto con il Ministero del Turismo, relativo a criteri e modalit per l'assegnazione di contributi a favore dei produttori di vino DOP, IGP e biologico che esercitano anche attivit agrituristica e enoturistica, per favorire la promozione dei territori, anche in chiave turistica, e recuperare le antiche tradizioni legate alla cultura enogastronomica del Paese tramite l'impiego di moderni sistemi digitali.

Nel corso della Conferenza Stato-Regioni stato illustrato il criterio di riparto regionale dei fondi disponibili per le infrastrutture irrigue, complementare a quello gi assegnato con il provvedimento della Missione 2 Componente 4 (M2C4) del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), denominato "Investimenti nella resilienza dell'agrosistema irriguo per una migliore gestione delle risorse idriche". L'assegnazione dei fondi terr in considerazione un indicatore composito che considera diversi elementi combinati tra loro basati sul fabbisogno finanziario per la realizzazione delle opere (regionale e nazionale) e sul contributo gi ricevuto a livello regionale dagli investimenti del PNRR.

torna all'inizio del contenuto