1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Colonna di destra
Menu principale di navigazione
  1. Ministero
  2. Notizie
  3. Politiche europee
  4. Politiche nazionali
  5. Controlli
  6. Prodotti DOP e IGP
  7. Ricerca
Contenuto della pagina

Info - Qualifica imprenditore professionale e agevolazioni

La qualifica di imprenditore agricolo professionale (Iap) dà il diritto a fruire delle agevolazioni (fiscali, creditizie, previdenziali ecc.) ?

L'iscrizione nella gestione previdenziale ed assistenziale per l'agricoltura, è comunque richiesta, ai fini del riconoscimento della qualifica, sia allo IAP persona fisica, sia al socio di persone o cooperative, ovvero all'amministratore di società di capitali.
Le percentuali  previste in favore dello IAP, che sconta sette punti percentuali sull'imposta di registro prevista per il medesimo acquisto di terreni  effettuato da un imprenditore non IAP (15%).
Uno IAP che proceda all'acquisto di terreni agricoli dovrà pagare un'imposta di registro pari all'8%, un'imposta catastale dell'1% e un'imposta ipotecaria del 2%.
La tariffa prima, nota I all'articolo 1 del D.P.R. 131/1986, chiarisce inoltre che "qualora al termine del triennio non sia stata prodotta la documentazione prescritta l'ufficio del registro competente provvede al recupero della differenza d'imposta. Si decade dal beneficio nel caso di destinazione dei terreni, o delle relative pertinenze, diversa dallo uso agricolo che avvenga entro dieci anni dal trasferimento".
La decadenza dalle agevolazioni è inoltre prevista, sia per l'imprenditore agricolo professionale (art.1 comma 1 del Decreto), sia per la società agricole qualificate imprenditori agricoli professionali (art.1 comma 3 del Decreto) in caso di perdita dei requisiti di IAP nei cinque anni dalla data di applicazione delle agevolazioni ricevute.
A conforto di quanto esposto, si segnalano le seguenti fonti:
1.      l'art.1 del Decreto, nella sua versione aggiornata al 2005;
2.      D.P.R.131/1986 (T.U. delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, con l'avvertenza che il riferimento all'imprenditore agricolo a titolo principale si intende all'imprenditore agricolo professionale, come definito dall'art. 1 del Decreto;
3.      la guida per le imprese agricole e agroalimentari redatta a cura di questo Ministero (da consultare alle pagg.17-21), da scaricare: